Laghetti e fiori

da Silvano
Visite: 48

Itinerario breve ma suggestivo immerso nel Parco Nazionale dello Stelvio tra zone di alto valore naturalistico con possibilità di avvistamento fauna selvatica.

Consigliabile una sosta all’affascinante paesino di Peio Paese ricco di arte e storia, con visita al museo della Guerra Bianca, alla Chiesa di San Rocco e alle caratteristiche costruzioni nel centro dell’abitato.

Descrizione:
Dalla località turistica di Peio Fonti si sale lungo la strada che porta al lago di Pian Palù per circa 1 km sino ad incrociare a destra la strada di servizio rurale che proviene dall’abitato di Peio Paese. La si percorre su pendenza moderata giungendo in centro al caratteristico paese di Peio (antichissimo, in quanto risale almeno all’età del bronzo). In prossimità della Chiesa di S. Rocco (di grande impatto emotivo il S. Cristoforo affrescato sul campanile della chiesa di fine ‘400).

Di qui una ripida stradina sale ai margini del paese sino alla Loc. San Rocco (che durante la prima guerra mondiale ospitò nel cimitero militare austro-ungarico più di cento salme; rimane a memoria la piramide di Schrott-Vorst, vegliata dall’aquila) posta in zona dominante nel rado bosco di larici. Di qui si prosegue per ampia strada sterrata che, costeggiando le vaste zone prative di Peio, conduce in prossimità della solatia piana del Lago di Covel (1.850 m), zona di notevole interesse botanico e faunistico (km 6 circa).

Precise indicazioni portano alla Malga Covel situata poco più in alto del suggestivo laghetto. Dalla malga Covel si discende ora sino al limite della zona prativa ponendo attenzione ad un largo sentiero (SAT n. 125) che si percorre sino a giungere nella stretta Val Cadini: in alto rumoreggia una spumeggiante cascata. Di qui, in discesa, su terreno sconnesso sino ad incontrare la pista da sci che si percorre per un breve tratto. Quindi si prosegue a sinistra su una stradina pianeggiante che attraversa a mezza costa il bosco e le zone prative di Peio, congiungendosi con la strada di servizio rurale già percorsa in salita e giungendo di qui in breve ritorno a Peio.